Generale - Ogni Gioco Diventerà Un MMO?

Ogni Gioco Diventerà Un MMO?

I modelli aziendali cambiano in continuazione. Nel mondo del gaming, ci sono stati miriade di modelli che hanno funzionato e non per i giochi . Fin dai primi tempi in cui sono comparse le sottoscrizioni, nel lontano 1990, le persone erano solite continuare a giocare allo stesso prodotto per parecchio tempo. Molti sviluppatori di MMO hanno capito che, avere delle persone concentrate su un singolo prodotto che non le stufasse e che le spingesse a loggare nuovamente giorno dopo giorno, era la chiave del successo. Adesso, con gli MMO che hanno invaso ogni tipo di piattaforma (PC, Console e Mobile), i giocatori effettuano i pagamenti tramite micro-transizioni o mediante l'acquisto dei DLC. E' un modello che funziona perchè ha trovato la giusta via di mezzo tra l'acquistare un gioco in single player e forzare ad effettuare una sottoscrizione i giocatori che magari hanno lasciato da poco un altro gioco. Questo ci può portare a pensare che in futuro ogni gioco sarà online e una qualche variante degli MMO.

destiny-2

La EA, di recente, ha chiuso la Visceral Games, la quale era al lavoro per la realizzazione di un RPG in single player. Patrick Soderlund ha detto:

Il nostro Visceral studio stava sviluppando un titolo di azione-avventura basato sull'universo di Star Wars. Nella sua forma attuale, tendeva ad essere un gioco di avventura basato sulla storia in maniera lineare. Durante il processo di sviluppo, stavamo testando il gioco insieme a dei giocatori, ascoltando i loro feedbacks su cosa doveva essere sistemato. A questo punto è stato chiaro che per realizzare un prodotto che intrattenesse i giocatori a lungo e li invogliasse a continuare a giocare, avremmo dovuto cambiare il design del gioco.

Quando un colosso come la EA, per non parlare della Bioware che ha lasciato Mass Effect per concentrarsi su Anthem, prende una decisione del genere, vuol dire che ha intenzione di concentrarsi di più sui giochi online. Anthem, infatti, avrà un modello che prevede le micro-transizioni e l'acquisto dei DLC, cosa che invoglierà i giocatori a dedicargli più tempo e più a lungo.

L'efficacia di questo modello è stata provata già con successo in Elder Scrolls Online. Questo MMO, grazie ai suoi DLC, mantiene i giocatori attivi durante tutto l'anno. Questo modello ha funzionato veramente bene per la Bethesda e ZeniMax. Adesso ESO è un gioco che incassa parecchi soldi e vanta una comunity molto larga sia su PC che su Console.

Una cosa simile la sta facendo anche GTA Online. Non sarà grande quanto ESO, ma sta facendo il suo. Sempre più giocatori si stanno avvicinando al gioco. Rendere i contenuti giocabili online incentiva i giocatori a passare più tempo dentro al gioco e a tornare.

gta-online

In conclusione, possiamo dire che questa mossa della EA segna la fine dei giochi single player? Non credo, è stato lanciato da poco, con grande successo, Divinity Original Sin 2. La compagnia si sta solo muovendo in una direzione dove si sta orientando tutto il mercato dei videogiochi e nella stessa direzione in cui sono molte aziende che incassano parecchi soldi con i loro prodotti. Inoltre non possiamo dire quanto fosse bello il gioco di Star Wars che stavano sviluppando, magari hanno capito che sarebbe stato un flop. L'unica cosa certa che possiamo sapere è che molti giochi si stanno spostando nell'area degli MMO. Magari non saranno tutti degli MMORPG tradizionali come siamo abituati a conoscerli, ma saranno degli MMO. Destiny 2 ha veramente tanti elementi in comune con i primissimi MMO. In ogni mercato in continuo cambiamento come quello del gaming, vedere un modello che funziona bene, come quello delle micro-transizioni, mette le basi per lo sviluppo di giochi futuri che molto probabilmente adotteranno questo modello. Invece di giocare agli ennesimi sequel della stessa saga uscita 10 anni prima, vedremo MMO ovunque.

lascia un feedback

Commenti
Effettua il login per commentare!!