Generale - Il Pradosso Del Crowd Funding

Il Pradosso Del Crowd Funding

Con ogni rinvio dellle date di lancio e round aggiuntivi di raccolta fondi, con ogni vendita di pacchetti e oggetti per giochi che non vedranno la luce del sole per altri cinque anni, sta diventando sempre più chiaro che l'esperimento degli MMORPG crowd funded come lo conosciamo è morto. Il processo si è evoluto in qualcosa difficilmente riconoscibile e al contempo i giochi continuano a fallire. A tutti gli effetti, falliscono nel momento in cui inizia la raccolta fondi, ma senza che noi ce ne rendiamo conto.

I Kickstarter, a causa delle loro linee guida, creano uno scenario dove gli studio che producono MMORPG non possono vincere. Gli viene chiesto, infatti, di stabilire un budget per il prodotto e una deadline entro la quale il prodotto deve diventare disponibile. In queste due richieste non si rispecchia la storia degli MMORPG. Nessun MMORPG è stato rilasciato nelle date previste e con il budget preventivato! Ma questo non li ferma. Pensano di avere qualcosa di speciale. Hanno questa convinzione nonostante lo sviluppo degli MMORPG negli ultimi 20 anni non abbia mai rispettato i criteri del Kickstarter. E' come se avessero trovato l'anello per dominarli tutti e creare una storia nuova per gli MMORPG, creandoli in tempi record e con un budget striminzito. Per lo meno questo è il piano durante la campagna Kickstarter. La realtà non ha mai fermato nessuno dal sognare. La storia non ha mai fermato una decisione. La ragione non ha mai sconfitto la determinazione.

Il giorno in cui inizia la campagna Kickstarter è il momento in cui inizia a ticchettare l'orologio e il momento in cui lo studio si tuffa nel paradosso. Il genere umano ha la capacità di sognare e sperare anche nei momenti più difficili. Sono convinti di riuscire a rispettare la deadline con i fondi raccolti. Entrano in un regno di giornate interminabili, occhi rossi e dita sanguinanti. Non importa quanto tempo lavorino. D'altra parte è questo lo sviluppo degli MMORPG.

Non importa cosa fanno, quante persone assumono o quanto duramente lavorano, non possono vincere perchè le circostanze semplicemente non lo permettono. Eventualmente dovranno affrontare i loro sostenitori. La data di lancio dovrà essere cambiata. Eventualmente dovranno cercare altri fondi se quelli che avevano sono già finiti. Faranno tutto questo.

La dura realtà dei fatti farà spostare il lancio, cambiandone la definizione, trasformandolo in una fase di test dove potranno fare provare il gioco ancora incompiuto, con il solo scopo di raccogliere altri fondi, e tutto ciò va contro i principi del Kickstarter. Quindi nel momento in cui si presentano queste circostanze, mi sento di dire che il progetto ha fallito.

Il sangue della morte della loro idea originale è sia sulle nostre che sulle loro mani. Loro hanno proposto una cosa impossibile, ma noi abbiamo speso soldi sapendolo. Siamo stati ingannati ma perchè lo volevamo. Sappiamo bene la storia di questo genere di giochi. Abbiamo ricevuto avvisi dai fans che hanno già avuto esperienze negative. Abbiamo semplicemente voluto negare l'evidenza delle cose, lasciando largo al desiderio e alla speranza di vedere realizzato il gioco.

L'idea del crowd funding era quella di ridare potere sia agli studios che ai loro fans. Era un modo di vedere realizzati i giochi che desideravamo senza dover aspettare che ci lavorassero le grandi case di produzione. Sembrava quasi che dopo anni di MMORPG asiatici in stile them park finalmente il genere potesse risorgere. Siamo stati semplicemente naive come gli sviluppatori che credevano di poter affrontare questo paradosso.

I giochi Crowd funded sono la cosa contro cui siamo andati finanziandoli. Si sono evoluti in una strategia di marketing con un fare manipolatorio. Non paghiamo più per finanziare un intero gioco, paghiamo per un pezzo, ma quello che realmente stiamo facendo è fornire un test di market a basso rischio. Questo test può essere utilizzato per raccogliere dati e soprattutto persone. Adesso il Kickstarter è utilizzato per mostrare a grandi investitori e publishers il potenziale che ha un gioco.

Leggendo questo articolo potreste pensare che comunque non ho fornito alcun esempio. Questo perchè questo panorama che ho descrito ancora non si è realizzato, almeno non interamente. Ma succederà presto. Questo articolo è come se fosse una profezia e prendetelo come tale. Non credo che le cose comunque potranno essere diverse, perchè gli dei del marketing e della pubblicità ci hanno plagiato. Continueremo ad aprire il portafoglio sperando, avendo la dannata speranza che il titolo dei nostri sogni potrà prendere vita, e lo faremo al grido "Vi prego prendete i miei soldi!"

lascia un feedback

Commenti
Effettua il login per commentare!!