La Blizzard si scusa col Pro Player di Hearthstone all'apertura del BlizzCon

La Blizzard si scusa col Pro Player di Hearthstone all'apertura del BlizzCon

Prima dell'inizio della cerimonia di apertura del BlizzCon 2019, il presidente della compagnia, Jay Allen Brack, ha colto l'occasione per parlare delle controversi generate dalla Blizzard ad inizio Ottobre. Infatti il pro-player di Hearthstone,blitzchung, era stato bannato per aver espresso il suo supporto alle proteste politiche di Hong Kong contro la Cina.

In quella settimana poi, la Blizzard aveva spiegato le sue motivazioni alleggerendo il periodo di ban inflitto al giocatore, fornendo a blitzchung il suo premio in denaro per il torneo e diminuendo la sospensione a sei mesi. I fans comunque hanno fatto notare che la Blizzard non si era mai scusata ufficialmente per l'accaduto e che aveva preso la decisione troppo frettolosamente.

Sullo stage del BlizzCon, Brack ha colto l'occasione per fare le sue scuse:

La Blizzard ha avuto l'occasione di unire il mondo attraverso il torneo eSport di HS lo scorso mese. Ma non lo ha fatto. Ci siamo mossi troppo velocemente e abbiamo preso una decisione troppo frettolosamente e cosa ancora più grave ci abbiamo messo troppo tempo per parlare con voi. Ci sono due cose che mi dispiacciono in maniera particolare.

La prima è che non abbiamo rispettato gli standard elevati che ci siamo imposti di seguire, e la seconda è di aver fallito nella nostra missione. Per tutto questo mi dispiace!

Nel suo discorso capiamo quale sia lo scopo della Blizzard ai suoi occhi, ovvero quello di unire tutti i giocatori del mondo a prescindere dal loro background.

Quindi quale è esattamente il nostro scopo? Il BlizzCon lo stà dimostrando anche mentre stiamo parlando. Aspiriamo ad unire il mondo attraverso un intrattenimento epico, e credo fermamente nel potere positivo dei videogiochi. Quando facciamo le cose fatte bene, creiamo un terreno comune per la comunità dove può competere, connettersi e giocare.

Per esempio, il BlizzCon ha persone di 59 paesi differenti di tutto il mondo oggi. E questo è il potere positivo dei videogiochi, per trascendere la divisione che ci circonda in tanti altri posti. Faremo del nostro meglio per andare avanti. Ma le nostre azioni varranno molto di più di mille parole.

Dopo il discorso di Brack, il BlizzCon è partito ufficialmente, svelando Diablo IV, Overwatch 2 e World of Warcraft: Shadowlands oltre a tante altre cose. Potete vedere la cerimonia di apertura e il discorso di Brack qui sotto.

La Blizzard si scusa col Pro Player di Hearthstone all'apertura del BlizzCon

lascia un feedback

Commenti
Effettua il login per commentare!!