Albion Online - Review Della Prima Settimana

E' passato una settimana da quando Albion Online è stato lanciato, ma come sta andando? Abbastanza liscio direi...veramente, ci sono stati proprio pochi intoppi. Ci sono state ovviamente delle problematiche che accomunano un pò tutti i lanci di nuovi giochi, qualche problema nel loggare, problemi di lag dovuti alla grande quantità di giocatori nella stessa zona e qualche crash. Una settimana dopo quasi tutte queste problematiche sono state risolte, soprattuto grazie al fatto che i giocatori si sono distribuiti tra le mappe.

Devo dire che questo gioco è veramente una esperienza interessante. Come quasi tutti i sandbox, Albion Online permette completa libertà, perciò starà al giocatore scegliere come progredire nel gioc, se attraverso il craft, il gather, la caccia o andando a pkappare qualche ignaro minatore. Ho sentito dire che questo gioco è considerato "super hardcore" e dopo una settimana di gioco credo che questa descrizione gli si addica in pieno. Mi sembra che questo gioco sia fatto appositamente per coloro che pensano che gli MMO moderni siano diventati troppo semplici e che quindi hanno bisogno di una esperienza "tosta" in stile Ultima Online o Runescape.

La prima cosa che mi ha sorpreso è vedere cosa succede alle cose che state trasportando quando morite. Ovviamente non sono rimasto sorpreso nel vedere droppare tutti gli oggetti che avevo addosso, perchè comunque me lo aspettavo. Quello che invece non avrei proprio immaginato è che una volta morti potete perdere anche gli oggetti ottenuti grazie al pacchetto founder. Mi ha fatto veramente una sensazione strana perdere degli oggetti pagati con soldi veri (chiamatemi masochista ma sensazione strana si, ma bella allo stesso tempo).

Avevo già provato Albion Online in beta, quindi sapevo bene o male come muovermi, riuscendo subito a craftarmi arma e armatura. La cosa che non sono proprio riuscito a fare è stato gatherare le risorse, troppi giocatori in poco spazio. Letteralmente passerete ore a girovagare nella mappa cercando delle risorse, tra l'altro di tier basso, per poter alzare la vostra skill che già è lenta di suo a far crescere, ma in queste condizioni diventa quasi improponibile. Per fortuna, ma soprattutto grazie al fatto che il gioco mi piace molto, ho tenuto duro e sono riuscito a trovare un mio giro di gather e già dopo qualche ora ero in grado di crftare gear T4.

Come ho già detto il gioco lo conoscevo dalla beta, ma ero molto curioso di vedere che sorta di impatto avrebbe avuto un incremento esponenziale nella popolazione di gioco. Devo dire che l'impatto è stato decisamente positivo. Tutte le mappe sono popolate, e grazie al sistema di craft che richiede obbligatoriamente materiali di Tier basso per fare anche i craft più evoluti, anche le mappe iniziali sono rimaste popolose (forse anche troppo).

L'altro giorno, stanco delle ore di gather e di Spedizioni, ho deciso di avventurarmi insieme a un amico in una zona rossa per andare un pò a "caccia" in vecchio stile UO. Purtroppo, a causa della popolazione che ancora non si è spalmata bene anche nelle zone nere, la mappa era piena zeppa di giocatori, quindi siamo dovuti scappare a gambe levate, e ahimè ho perduto il mio compagno.

Albion Online è decisamente un gioco con alto potenziale, che lascia veramente tanto spazio al giocatore, a ciò che vuole e a come si vuole divertire. Probabilmente sarà un gioco a cui giocherò a lungo, spero solamente che non sia troppo come tutti gli MMO moderni, ovvero che se non giochi in uno zerg non puoi fare niente, ma sono fiducioso e soprattutto ostinato. Per concludere Albion Online ha rispettato le mie aspettative, portando un pizzico di Old Style in un mercato ormai saturo di MMO koreani e theme park.

Ti è piaciuto questo articolo?

mmorpg f2p

notizie

hardware

Commenti:
Aggiungi un commento:
Perfavore effettua il login per commentare!