Finalmente abbiamo maggiori informazioni su quello che ormai è diventato uno dei giochi più attesi: Anthem. Infatti, durante il PAX West 2018, è stato dato largo spazio a questo nuovo titolo della Electronic Arts, e adesso vi faremo un breve riassunto di cosa è emerso e cosa ci ha colpito di più.

Una delle cose su cui Anthem punta parecchio è la possibilità di unire una stupenda storia in single player unita con una fantastica esperienza in multiplayer. Non si vogliono approcciare alla narrazione della storia come gli altri giochi multiplayer, dove in molti si riduce solamente a un elemento che non fà provare nessuna sensazione al giocatore, anzi molto spesso ci ritroviamo con storie scontate e prive di significato. Proprio per questo motivo hanno cercato di far evolvere il modo in cui la storia viene raccontata collocandola in un'ambientazione più articolata. Per riuscirci, abbiamo le due idee di storia su cui si basa Anthem: "My Story e Our Story. My story mira a risolvere il problema dei giochi multiplayer mantendendo l'individualità del giocatore e Our Story mantiene gli aspetti che tutti amiamo dei giochi multiplayer: avere delle avventure insieme agli amici come eventi pubblici, missioni, cicli del tempo e giorno / notte e tutti i cambiamenti all'esperienza di gioco che comportano.

In Anthem vestiremo i panni di un Freelancer. All'interno del gioco potremo essere chiamati con diversi nomi, come Fire-Jumper, Ronin e anche supereroe. Come freelancer siamo membri di un gruppo indipendente di difesa. Quasi come dei cavalieri moderni che vestono un'armatura javelin. Lo scopo principale è quello di aiutare le persone a viaggiare per il mondo e di portare la pace nei quadranti più pericolosi. Gli Shaper Relics sono delle tecnologie lasciate dagli Shapers quando cercavano di raccogliere l'energia di Anthem. Ogni tanto si attivano e iniziano a fare "casini" quindi sarà nostro compito andare a fermarli.

Oltre alle missioni a cui si potrà partecipare con i propri amici, dovremo occuparci anche della nostra storia personale che sarà ambientata a Fort Tarsis. Fort Tarsis è la nostra zona personale che cambierà a seconda delle decisioni che prenderemo e ci fornirà delle missioni a seconda delle persone con cui parleremo. In Fort Tarsis troveremo negozi e vendors con cui potremo interagire e con cui potremo intraprendere delle conversazioni molto complesse. Queste conversazioni possono avere delle conseguenze che includono l'esilio di questo personaggio da Fort Tarsis. I giocatori non si dovranno preoccupare di perdere qualche missione o qualche pezzo di loot esiliando un peronaggio, all'interno di Anthem non si potrà mai prendere qualche decisione che influenzerà in maniera negativa l'esperienza di gioco.

Un esempio di come si può cambiare Fort Tarsis è una missione di salvataggio. Prenderemo una missione per salvare un arcanist, ovvero uno scenziato ossessionato dalla tecnologia sharper. Una volta che abbiamo preso la missione si potrà farla da soli, con un amico o attraverso una sessione di matchmaking. Andremo fuori nel mondo a completare la missione e una volta che avremo trovato l'arcanist lo porteremo indietro a Fart Tarsis. Da questo momento sarà un nuovo membro di Fort Tarsis e ogni giocatore ci potrà interagire come meglio crede. Le decisioni che si prenderanno non saranno le stesse prese da un altro giocatore. Inoltre, se decideremo di essere dei "bastardi" con questo arcanist, molto probabilmente cambierà anche il modo con cui gli altri personaggi, suoi amici, si rivolgeranno a noi.

Una cosa su cui punta molto la BioWare sono le relazioni. Sappiamo molto bene quanto possa essere divertente gestirle e tentare di portare qualche personaggio nel nostro letto. Forse però rimarrete delusi di sapere che, nonostante le relazioni con gli altri personaggi siano molto profonde, non sarà inserito il lanto "sentimentale" di una conversazione, almeno al momento del lancio del gioco.

Raccontare una storia in un sistema multiplayer è una delle sfide più grandi che ha dovuto affrontare la BioWare. Hanno avuto qualche esperienza con SWTOR e hanno imparato delle lezioni, capendo cosa poteva piacere e cosa no. Hanno capito che un voto di gruppo su una conversazione poteva rovinare l'esperienza di gioco, proprio perchè molto spesso veniva presa una decisione che non si voleva fare. Proprio per questo motivo nelle missioni di Anthem non ci saranno decisioni da prendere. Si ha un obbbiettivo, si completa e le decisioni poi saranno prese una volta tornati a Fort Tarsis.

Con Anthem ci si vuole focalizzare soprattuto su Anthem. Hanno imparato delle lezioni importanti da Andromeda e Dragon Age su come lanciare dei progetti immensi come quelli e quindi prestano particolare attenzione sulla correzione di bug. I giochi avranno sempre bug al momento della release, èi inevitabile, ma vogliono che il lancio di Anthem sia il migliore possibile per i giocatori. E' stata prestata anche particolare attenzione alle animazioni facciali.

Infine, è stato comunicato che tutti gli abbonati della EA e chi effettua il pre-ordine avranno accesso a una demo il primo Febbraio 2019. Non sarà una beta e neanche un test, ma semplicemente una demo. I test alpha e beta si terranno da adesso fino ad allora, quindi assicuratevi di controllare le vostre email.